Da Altreconomia nr. 115 | Il rifiuto della coop, di Chiara Spadaro

Riciclaggio, riutilizzo e pace: con questo dna, la cooperativa Insieme lavora da 30 anni a Vicenza. Per questo ha detto no a un lavoro nel cantiere del Dal Molin

Le cooperative “rosse” sono al lavoro nel cantiere della nuova base militare Usa di Vicenza.
Lungo la strada che costeggia l’ex aeroporto Dal Molin si contano una ventina di gru. Mentre la Cooperativa muratori cementisti (Cmc) di Ravenna e il Consorzio cooperative costruzioni (Ccc) di Bologna “tirano su” la base (l’inaugurazione è prevista per il 2011, vedi box), c’è chi, facendo parte dello stesso mondo, ha detto no: è la cooperativa sociale Insieme, vicentina, che ha rifiutato un lavoro all’interno del cantiere statunitense. Anche se avrebbe fatto comodo al bilancio. Nella città veneta, Insieme si occupa da 30 anni di riciclo e riuso, e all’inizio di gennaio ha ricevuto un’offerta di lavoro per la gestione dei rifiuti del cantiere della nuova base: “Ci è stata chiesta la disponibilità per un sopralluogo al Dal Molin, per uno sgombero importante -spiega il presidente Roberto Bertarello-, ma noi non abbiamo nemmeno preso in considerazione la proposta: non vogliamo in alcun modo contribuire alla costruzione della base militare. C’è sembrata una scelta naturale, coerente con lo spirito della nostra cooperativa, attenta all’etica del lavoro”. È una questione di scelte: la scelta di restare coerenti con il proprio operato, la scelta di non collaborare con chi militarizza i territori, la scelta di cercare altri settori di guadagno. Insieme non ha accettato le commesse militarizzate, nonostante una situazione economica difficile: dall’inizio del 2010, i 46 soci lavoratori della cooperativa -che percepiscono tutti lo stesso compenso mensile, dal socio appena arrivato al presidente- si sono abbassati gli stipendi: “Eravamo arrivati a prendere 1.100 euro al mese, ma poi non ce l’abbiamo fatta, così abbiamo ridotto le paghe a 1.050 euro”, racconta Giovanna Dal Sasso, vicepresidente della cooperativa.

(more…)

Advertisements
Da oggi, fino a sabato 24 aprile, a Padova è in corso SEP, Systems for Environmental Projects  –  il forum triennale che affronta i grandi temi dell’ambiente con approccio di ampio respiro a livello internazionale,
si pone come progetto di comunicazione ambientale per diffondere tra imprese e cittadini una nuova idea di sostenibilità.
 
Nell’edizione 2010 anche Cooperativa sociale Insieme è presente a SEP con un proprio stand:
ci trovate al Padiglione 4 | corridoio B | postazione 167
 
Nella stessa area, in collaborazione con altre cooperative sociali del Nord Italia che offrono servizi ambientali, l’idea è di dare visibilità alla sinergia tra l’attenzione all’ambiente
e l’attenzione alla persona in inserimento al lavoro, oltre che al valore aggiunto della finalità sociale d’impresa.
 
Invitandovi a SEP 2010: Sostenibilità per una nuova economia, vi aspettiamo nel nostro stand.
Visita il sito: www.seponline.it
Scarica il materiale informativo: brochure SEP 2010

L’associazione Vicenza Insieme promuove e invita
all’incontro con Cittadini e Istituzioni
sull’attuale modello di gestione dei rifiuti
nelle diverse realtà della provincia di Vicenza

Sabato 6 marzo 2010 | Ore 09.00

Presso  i Chiostri di Santa Corona
Contrà Santa Corona, 4  – Vicenza

Saranno presenti l’Ass. all’Ambiente del Comune di Vicenza dott. Marco Dalla Pozza,
Cooperativa sociale Insieme, Ing. Maria Pia Ferretti, Ezio Orzes Ass. all’Ambiente del Comune di Ponte nelle Alpi, Carla Poli del Centro Riciclo di Vedelago.

–> scarica il programma completo

Mercoledi 27 maggio alle ore 20,45 presso Coop. Sociale Insieme via Dalla Scola 255 parte la prima proiezione della serie “aspettando festambiente” organizzata da Festambiente Vicenza, Coop. Insieme, Unicomondo, amici Beppe Grillo con il patrocinio del Comune di Vicenza.
Il primo appuntamento prevede la proiezione del documentario Garbage! Rifiuti: La rivoluzione comincia da noi con la regia di Andrew Nisker (Canada 2007).
“La famiglia McDonald di Toronto inizia una singolare convivenza con la propria immondizia tenendola in garage per tre mesi. Il risultato? 83 sacchi colmi di spazzatura. Deus ex machina di questa scelta è il regista Andrew Nisker, il cui scopo è mostrare, attraverso l´esperienza di un nucleo familiare, la reale portata della produzione e dello smaltimento dei rifiuti domestici. I protagonisti di questo intelligente documentario, in cui non mancano momenti spassosi, visitano i posti nei quali vengono stoccati i rifiuti di cui per anni si sono liberati senza troppe domande, costatandone l´impatto non privo di drammatiche conseguenze. ” Il documentario sarà proiettato in lingua inglese con sottotitoli in italiano.
Successivamente avremo l´occasione di approfondire il tema dei rifiuti facendoci guidare da Valentina Dovigo (Legambiente Vicenza) e Marco Dalla Pozza (Assessore del Comune di Vicenza) . Sarà presente anche Michele
Bertucco presidente regionale di Legambiente.
Per rinfrescare la serata, Unicomondo organizza un bar volante dove potrete trovare prodotti equosolidali. La serata è ad ingresso libero e i locali eventualmente saranno “condizionati”.
Vi aspettiamo.