Dopo l’incendio che ha colpito la sede di Via Dalla Scola poco più di tre mesi fa, venerdì 24 settembre a partire dalle ore 21 la Cooperativa Insieme festeggerà il ripristino e il rinnovo dei locali con una serata dedicata al consumo sostenibile.

Per i soci e i simpatizzanti della cooperativa si tratta di un evento importante e simbolico che corona mesi di intenso lavoro.

Evento clou della serata sarà l’attesa sfilata annuale di abiti usati e vintage – quest’anno ironicamente intitolata “Abiti che scottano”. Oltre 60 soci e amici della cooperativa sfileranno in passerella sfoggiando abiti usati prêt-à-porter, per promuovere la cultura del consumo critico, del riciclo e del riuso, e dimostrare il fascino indiscreto dell’abbigliamento vintage.

al barco”, il nuovo bar inaugurato dalla Cooperativa Insieme lo scorso luglio, proporrà cocktail d’autore e finger food nostrani ispirati alle ricette dello chef vicentino Amedeo Sandri.

Per l’occasione, saranno inoltre presentati gli abiti e accessori d’arte, realizzati con materiali di recupero, della collezione “Abito con te” di Elvezia Allari e le borse “INARIA”, in gomma riciclata da camere d’aria, di Isa Doro.

Materiali di approfondimento:

Comunicato stampa ufficiale “Serata del consumo sostenibile”

Presentazione sfilata “Abiti che scottano”

Presentazione “Al barco”, il bar della Cooperativa Insieme

Presentazioe collezione “Abito con te” di Elvezia Allari

Presentazione collezione “iNARIA” di Isa Doro

cartolina invito alla serata del consumo sostenibile | 24 settembre 2010, ore 21 | Vicenza, Via Dalla Scola 255

Advertisements

Venerdì 24 settembre, Cooperativa Insieme vi invita alla “serata del consumo sostenibile”:

dalle ore 21 il punto vendita di Vicenza – Via Dalla Scola 255 ospiterà la sfilata moda abbigliamento usato “Abiti che scottano”sarà possibile effettuare acquisti second hand, nel rispetto della sostenibilità dei consumi, e sarà possibile passare al barco, per assaggiare le specialità preparate dalle ricette locali tradizionali di Amedeo Sandri e Sergio Tortella.

(more…)

Siamo giunti all’anti-vigilia dell’apertura del barco!

I lavori sono ancora a pieno ritmo per gli ultimi dettagli, ma già qualche amico e qualche cliente viene accompagnato nel nuovo spazio per un’anticipazione dell’arredamento e per curiosare tra un particolare e l’altro.

Ma… anche il punto vendita si sta “vestendo a nuovo”… per l’apertura straordinaria di tutto il sabato, fino alle 22!

Clienti, amici e tutti quelli che passeranno avranno l’occasione di vedere e sentire l’intera Cooperativa Insieme che si racconta e che fa festa!

Vi aspettiamo!!!

Da Altreconomia nr. 115 | Il rifiuto della coop, di Chiara Spadaro

Riciclaggio, riutilizzo e pace: con questo dna, la cooperativa Insieme lavora da 30 anni a Vicenza. Per questo ha detto no a un lavoro nel cantiere del Dal Molin

Le cooperative “rosse” sono al lavoro nel cantiere della nuova base militare Usa di Vicenza.
Lungo la strada che costeggia l’ex aeroporto Dal Molin si contano una ventina di gru. Mentre la Cooperativa muratori cementisti (Cmc) di Ravenna e il Consorzio cooperative costruzioni (Ccc) di Bologna “tirano su” la base (l’inaugurazione è prevista per il 2011, vedi box), c’è chi, facendo parte dello stesso mondo, ha detto no: è la cooperativa sociale Insieme, vicentina, che ha rifiutato un lavoro all’interno del cantiere statunitense. Anche se avrebbe fatto comodo al bilancio. Nella città veneta, Insieme si occupa da 30 anni di riciclo e riuso, e all’inizio di gennaio ha ricevuto un’offerta di lavoro per la gestione dei rifiuti del cantiere della nuova base: “Ci è stata chiesta la disponibilità per un sopralluogo al Dal Molin, per uno sgombero importante -spiega il presidente Roberto Bertarello-, ma noi non abbiamo nemmeno preso in considerazione la proposta: non vogliamo in alcun modo contribuire alla costruzione della base militare. C’è sembrata una scelta naturale, coerente con lo spirito della nostra cooperativa, attenta all’etica del lavoro”. È una questione di scelte: la scelta di restare coerenti con il proprio operato, la scelta di non collaborare con chi militarizza i territori, la scelta di cercare altri settori di guadagno. Insieme non ha accettato le commesse militarizzate, nonostante una situazione economica difficile: dall’inizio del 2010, i 46 soci lavoratori della cooperativa -che percepiscono tutti lo stesso compenso mensile, dal socio appena arrivato al presidente- si sono abbassati gli stipendi: “Eravamo arrivati a prendere 1.100 euro al mese, ma poi non ce l’abbiamo fatta, così abbiamo ridotto le paghe a 1.050 euro”, racconta Giovanna Dal Sasso, vicepresidente della cooperativa.

(more…)

Da oggi, fino a sabato 24 aprile, a Padova è in corso SEP, Systems for Environmental Projects  –  il forum triennale che affronta i grandi temi dell’ambiente con approccio di ampio respiro a livello internazionale,
si pone come progetto di comunicazione ambientale per diffondere tra imprese e cittadini una nuova idea di sostenibilità.
 
Nell’edizione 2010 anche Cooperativa sociale Insieme è presente a SEP con un proprio stand:
ci trovate al Padiglione 4 | corridoio B | postazione 167
 
Nella stessa area, in collaborazione con altre cooperative sociali del Nord Italia che offrono servizi ambientali, l’idea è di dare visibilità alla sinergia tra l’attenzione all’ambiente
e l’attenzione alla persona in inserimento al lavoro, oltre che al valore aggiunto della finalità sociale d’impresa.
 
Invitandovi a SEP 2010: Sostenibilità per una nuova economia, vi aspettiamo nel nostro stand.
Visita il sito: www.seponline.it
Scarica il materiale informativo: brochure SEP 2010

L’Ecoistituto del Veneto Alex Langer, con Rete Ambiente Veneto, in collaborazione con Comune di Venezia–Assessorato all’Ambiente e Gruppo di Lavoro via Piave organizzano:

G A I A FIERA della Città Aperta
Domenica 20 Settembre – dalle ore 10 al tramonto

Di fronte all’acutizzarsi dei problemi ambientali, sono nate iniziative positive che troppo spesso non si conoscono . Lo spirito della fiera GAIA è far conoscere i tantissimi esempi di buone pratiche e tecnologie sostenibili presenti nel nostro territorio, da Mestre a tutto il Veneto. Negli scorsi anni alla Fiera ha hanno partecipato migliaia di persone.
Quest’anno cambia il luogo della Fiera: non più il Parco di Bissuola, ma a Mestre – Giardini di via Piave (a 100 metri dalla Stazione FS).

I temi dell’esposizione vanno dalle tecnologie solari, alla bioedilizia, dalla mobilità sostenibile all’agricoltura biologica e commercio equo, dall’artigianato all’editoria ambientale c on stand, mercatini dell’usato, mostre spettacoli musicali, cibi etnici, giochi per i bambini.. e per adulti dibattiti, laboratori pratici su risparmio energetico ed energia solare, riparazione di biciclette, vestiti ed altri oggetti, farsi il pane in casa, coltivazione, raccolta ed uso delle erbe aromatiche.

gaiaEcco il programma della manifestazione:

  • ore 10 apertura Stand e Mercatini dell’usato dei grandi e dei bambini
  • ore 10 inizio Laboratorio “Giustemo tuto ” (aggiustiamo tutto)
  • ore 10.30 Laboratorio AmicoAlbero con impianto siepe di erbe aromatiche
  • ore 11 Dimostrazione Cucina solare con degustazione Caffè
  • ore 12 pranzo
  • ore 15 Giochi per bambini
  • ore 15 Rete Ambiente Veneto presenta: “Nucleare e Inceneritori? No, grazie”
  • ore 15.30 Dimostrazione di Tango
  • ore 15.30 Laboratorio manutenzione biciclette e punzonatura anti-furto
  • ore 16  Presentazione libro “Tra Bhopal e Marghera”
  • ore 16.30 Coro femminile  Ucraina Più con degustazione Tè solare e torta Torre di Mestre
  • ore 16.30 Laboratori  Risparmio energetico e pannelli solari
  • ore 17 “Compriamo un metro quadrato” per dire No alla base Usa  al Dal Molin di Vicenza
  • ore 17.30 Jazz con David Boato e l’Officina Musicale Ensemble
  • ore 18.30 LatiTanti con la Ghenga Fuoriposto
  • ore 19 Premiazione Concorso “Laura Conti” per Tesi di laurea ambientali
  • ore 19.30 Estrazione Lotteria di Gaia (primo premio una biciclettaBreda+50 altri premi)
  • ore 20 meditazione Yoga con Marisa Mainardi

Ulteriori informazioni nel sito www.ecoistituto-italia.org, oppure telefonare al numero 041-935666 ore 17-18.

Da alcuni anni in città si attiva nel mese di maggio una silenziosa ma significativa iniziativa che riguarda tutta la cittadinanza.

Parliamo di una sfilata di moda fuori dalla norma che coinvolge una cinquantina di “modelli/e” e oltre cento spettatori. La sfilata è la conclusione di una serie di incontri preparatori e la naturale sottolineatura di una pratica quotidiana di sviluppo sostenibile e di protezione dell’ambiente.

Le sfilanti alla prova

Le sfilanti alla prova

Al centro infatti degli interessi dei cittadini coinvolti c’è il vestito usato raccolto dalla Cooperativa Sociale Insieme e rivalutato attraverso operazioni di selezione e di recupero fino alla trasformazione in un oggetto di attenzione, di comunicazione culturale e addirittura di culto, specie quando a sfilare sulla passerelle sono veri vestiti “vintage” recuperati nei cassetti delle zie.

Inoltre in questo anno 2009 l’iniziativa già al suo quarto anno, assume un sapore tutto particolare.

La sfilata si inserisce in un “laboratorio  di cittadini” dal titolo Re@life nell’ambito del progetto  finanziato dal programma “Europa per cittadini” della Commissione Europea, dal titolo “Decrescita e stili di vita, sostenibilità ambientale, partecipazione e convivialità…in Europa”; che   ha scelto questo come momento clou della sua riflessione che non poteva rimanere soltanto teorica.

Che sia stato un evento speciale  lo si è capito da tante cose. Bastava girare nel back stage della sfilata tra gli stendini carichi di abiti colorati e luccicanti, o lasciarsi coinvolgere dal via vai di gente giovane e meno giovane alla prova dei vestiti da sera per capire che talvolta la moda può essere qualcosa di più di sfarzo e spreco.

Certamente si è rimasti un po’ stupiti nel vedere girare tra i corridoi della Cooperativa Sociale Insieme un uomo di poche e ruvide parole ma  in perfetto smoking e camicia attillata anni ’70. Perché pur essendo qualche anno che si appronta la sfilata l’emozione è sempre grande, l’adrenalina delle modelle sale, la confusione è totale. Lo stile, anche se quest’anno “più europeo”, è sempre lo stesso delle passate edizioni, come sempre il motto è “possono sfilare tutti non ci sono limiti di età e di peso” e ci sembra che questa cosa sia molto gradita a tutti i 65 modelli.

Prove tecniche di catwalking

Prove tecniche di catwalking

Poiché non poteva mancare la ristorazione speciale un fornitissimo bar ha offerto aperitivi analcolici preparati secondo le ricette di “maestri barman”, per dimostrare che è possibile bere anche senza esagerare nell’alcool o addirittura senza dell’alcool fare alcun uso. Per questo l’iniziativa ha potuto fregiarsi di partecipare alla campagna “-alcool + gusto” con il patrocinio del Ser.T. di Vicenza,.

Promuovere uno scambio ed un confronto di idee, opinioni ed esperienze tra differenti soggetti di diversi paesi europei sul valore dell’ambiente, come elemento chiave per lo sviluppo dell’Europa del futuro, come risorsa da proteggere e valorizzare per promuovere uno sviluppo sostenibile in una logica integrata a livello europeo. Una dimensione in cui l’ecologia e l’ambiente rappresentano oggigiorno una priorità e, al tempo stesso, un valore.

L’esperienza di questo laboratorio sarà ripreso nel mese di giugno durante le attività di Festambiente che vedrà ospiti della festa più riciclosa e ambientalista della nostra città alcune realtà europee coinvolte nel progetto Re@life; saranno presenti realtà della Croazia, Austria ed oltre alla cooperativa insieme la cooperativa Adelante una realtà sociale di Bassano molto attiva. Gli organizzatori si aspettano che l’esperienza della sfilata e lo scambio di esperienza tra diverse realtà abbia un effetto moltiplicatore.

“Facciamo della nostra esperienza quotidiana un stimolo a tutti i cittadini per uno stile di vita più sobrio, più sostenibile; uno stile di vita che utilizzi la partecipazione e la convivialità come strumenti di comunicazione a tutti i cittadini e vogliamo che questa nostra esperienza maturi e migliori confrontandosi con quella di altre realtà di cooperazione transfrontaliera” dicono i responsabili delle iniziative. “Il focus dell’iniziativa è la partecipazione della cittadinanza, con reali spazi di cittadinanza attiva e scambi esperenziali condivisi nella realizzazione di iniziative visibili alla città ed ai suoi abitanti”

Prove tecniche di catwalking - parte 2a

Prove tecniche di catwalking - parte 2a

Al centro dell’esperienza un workshop internazionale sarà realizzato dai partner all’interno dello “spazio virtuale di condivisione” previsto al termine dei laboratori locali. Il programma dell’evento finale, comunque, verterà attorno al titolo stesso del workshop – “Descrescere e Stili di Vita, Sostenibilità Ambientale, Partecipazione e Convivialità” – cercando di individuare, a partire dalle riflessioni effettuate a livello locale, legami e soluzioni tra i diversi “concetti” in una prospettiva europea.

In questi giorni in cui ci si appresta a rinnovare il Parlamento Europeo e che l’attenzione anche politica dei cittadini è per una volta rivolta oltrefrontiera il progetto portato avanti dalla Cooperativa Sociale Insieme “Decrescere e stili di vita, sostenibilità’ ambientale, partecipazione e convivialita’ … in Europa” è stato selezionato dall’Executive Agency della Commissione Europea di Bruxelles come candidato del Golden Stars Awards 2009.