Sono in cura psichiatrca da circa 10 anni. E la mia diagnosi, all’epoca, andava di moda come le All Star o la Coca-Cola.
“Disturbo borderline di personalità’”.
Bastava vestirsi un pò strani, essere un pelo confusi e farsi qualche taglio sulla pelle per essere etichettati border.
In alcune Cliniche Psichiatriche ci si presentava prima “border” e poi, forse, con il proprio nome.
Creava gregge, faceva gruppo, e purtroppo drammaticamente figo.
Eppure era ed è una patologia.
Seria, invalidante, dolorosa.
All’inizio son stata contagiata dal trend, lo ammetto. Mi sentivo con una marcia in più.
Matta sì, ma almeno originale.

Oggi non so se riderne o piangerne.
Sicuramente c’è bisogno di rifletterci tutti un pò.
La diagnosi è uno strumento, si sa.
Una linea guida per aiutare e curare la persona.
Ma “The Dark Side Of The Moon”?
Bè, c’è eccome. E si chiama stigma, bollo, marchio a fuoco.
Un tatuaggio che non va più via.
Neanche se guarisci. Neanche se ti affranchi.
Quella parola ti insegue per tutta la vita e si insinua dentro a voler far parte della tua identità.
Ti rincorre al lavoro, nelle relazioni sociali, familiari ed affettive.
Ma soprattutto ti perseguita la mente.
Sono Chiara o sono una borderline?
Sono libera o sono in catene?
La gente per strada si accorgerà del marchio in fronte?
E cos’ho di davvero diverso dai famosi Altri Da Me?
A trentadue anni lo so.
L’anima, non una parola.
Il carattere, non una patologia.
La peculiarità del mio essere, non una diagnosi.
Ma ancora a volte il ritornello rimbalza in testa.
Soluzioni? Forse solo una.
Addetti ai lavori: non abbiate fretta di diagnosticare.
La vita vera è più dura, più ricca, più bella e più complessa di una parola che certamente non sarà mai nè la mia , nè la vostra migliore linea guida.  (Chiara L.)

<!–[if pub]> 285 1 7560000 10692000 359410 259 261 257 280 262 283 1 0DJ?4’2K"GTF<Z*N4*Z_KA@ 5 1 1 286 False 0 0 -1 304800 243 True 128 77 255 3175 3175 70 True True True True True 282 134217728 1 20 -9999996.000000 -9999996.000000 8 Empty 16711680 52479 26367 13421772 16737792 13382502 16777215 Pettirosso <![endif]–><!–[if pub]> -87325200 -87325200 (`@““““` 267 263 5 <![endif]–>

DIAGNOSI O STIGMA?

Psichiatria, Società e vita vera.

Sono in cura psichiatrca da circa 10 anni.

E la mia diagnosi, all’epoca, andava di moda come le All Star o la Coca-Cola.

‘’Disturbo borderline di personalità’’.

Bastava vestirsi un pò strani, essere un pelo confusi e farsi qualche taglio sulla pelle per essere etichettati border.

In alcune Cliniche Psichiatriche ci si presentava prima “border” e poi, forse, con il proprio nome.

Creava gregge, faceva gruppo, e purtroppo drammaticamente figo.

Eppure era ed è una patologia.

Seria, invalidante, dolorosa.

All’inizio son stata contagiata dal trend, lo ammetto. Mi sentivo con una marcia in più.

Matta sì, ma almeno originale.

Oggi non so se riderne o piangerne.

Sicuramente c’è bisogno di rifletterci tutti un pò.

La diagnosi è uno strumento, si sa.

Una linea guida per aiutare e curare la persona.

Ma “The Dark Side Of The Moon”?

Bè, c’è eccome.

E si chiama stigma, bollo, marchio a fuoco.

Un tatuaggio che non va più via.

Neanche se guarisci. Neanche se ti affranchi.

Quella parola ti insegue per tutta la vita e si insinua dentro a voler far parte della tua identità.

Ti rincorre al lavoro, nelle relazioni sociali, familiari ed affettive.

Ma soprattutto ti perseguita la mente.

Sono Chiara o sono una borderline?

Sono libera o sono in catene?

La gente per strada si accorgerà del marchio in fronte?

E cos’ho di davvero diverso dai famosi Altri Da Me? A trentadue anni lo so.

L’anima, non una parola.

Il carattere, non una patologia.

La peculiarità del mio essere, non una diagnosi.

Ma ancora a volte il ritornello rimbalza in testa.

Soluzioni? Forse solo una.

Addetti ai lavori: non abbiate fretta di diagnosticare.

La vita vera è più dura, più ricca, più bella e più complessa di una parola che certamente non sarà mai nè la mia , nè la vostra migliore linea guida.

Chiara Lambrocco

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s