Trent’anni e non sentirli


Da Altreconomia nr. 115 | Il rifiuto della coop, di Chiara Spadaro

Riciclaggio, riutilizzo e pace: con questo dna, la cooperativa Insieme lavora da 30 anni a Vicenza. Per questo ha detto no a un lavoro nel cantiere del Dal Molin

Le cooperative “rosse” sono al lavoro nel cantiere della nuova base militare Usa di Vicenza.
Lungo la strada che costeggia l’ex aeroporto Dal Molin si contano una ventina di gru. Mentre la Cooperativa muratori cementisti (Cmc) di Ravenna e il Consorzio cooperative costruzioni (Ccc) di Bologna “tirano su” la base (l’inaugurazione è prevista per il 2011, vedi box), c’è chi, facendo parte dello stesso mondo, ha detto no: è la cooperativa sociale Insieme, vicentina, che ha rifiutato un lavoro all’interno del cantiere statunitense. Anche se avrebbe fatto comodo al bilancio. Nella città veneta, Insieme si occupa da 30 anni di riciclo e riuso, e all’inizio di gennaio ha ricevuto un’offerta di lavoro per la gestione dei rifiuti del cantiere della nuova base: “Ci è stata chiesta la disponibilità per un sopralluogo al Dal Molin, per uno sgombero importante -spiega il presidente Roberto Bertarello-, ma noi non abbiamo nemmeno preso in considerazione la proposta: non vogliamo in alcun modo contribuire alla costruzione della base militare. C’è sembrata una scelta naturale, coerente con lo spirito della nostra cooperativa, attenta all’etica del lavoro”. È una questione di scelte: la scelta di restare coerenti con il proprio operato, la scelta di non collaborare con chi militarizza i territori, la scelta di cercare altri settori di guadagno. Insieme non ha accettato le commesse militarizzate, nonostante una situazione economica difficile: dall’inizio del 2010, i 46 soci lavoratori della cooperativa -che percepiscono tutti lo stesso compenso mensile, dal socio appena arrivato al presidente- si sono abbassati gli stipendi: “Eravamo arrivati a prendere 1.100 euro al mese, ma poi non ce l’abbiamo fatta, così abbiamo ridotto le paghe a 1.050 euro”, racconta Giovanna Dal Sasso, vicepresidente della cooperativa.

(more…)

Advertisements

Nel numero di ottobre 2009 di Scarp de’ tenis, la rivista della strada promossa da Caritas Ambrosiana e presente a Vicenza da dicembre 2008, è stato pubblicato un articolo sulla Cooperativa sociale Insieme, scritto da Antonio Cecchetto.

Clicca qui per leggere l’articolo:  Sdt135_Ottobre2009_p44e45

Grazie ad Antonio e a tutti i collaboratori di Vicenza di Scarp te’ tenis.

Trent’anni insieme e non sentirli…

banner GdV

Sembra incredibile ma quest’anno la Cooperativa sociale Insieme compie un anniversario memorabile – trent’anni di attività che hanno trasformato un piccolo gruppo di una ventina di volontari uniti da un grande sogno di cooperazione umana, guidati nel 1979 da don Roberto Reghellin, in una corale di oltre cento soci tra lavoratori  e volontari, che oggi gestisce ben tre mercatini dell’usato, un negozio di oggetti ricondizionati, sei ecocentri ed isole ecologiche, e decine di attività settimanali di sgombero locali, sia civili che industriali, in convenzione con A.I.M. a Vicenza e Agno Chiampo Ambiente ad Arzignano.

adesivo coop 1983A trent’anni di distanza uno sguardo veloce alla presenza della Cooperativa Insieme nel territorio vicentino evidenzia la crescita e il consolidamento di un’attività ambientale di ottanta posti di lavoro che ha riscontrato il sostegno e l’apprezzamento della cittadinanza, collaborando con Comune e AIM ad incentivare le strategie di minor spreco di risorse, minimizzazione della produzione di rifiuto inutilizzabile (riciclerie), valorizzazione di migliaia di tonnellate di oggetti, libri, abbigliamento, mobili rimessi in uso a prezzi accessibili per tutti.

Fondamentale, inoltre, continua ad essere la costruzione e l’accompagnamento di centinaia di percorsi di inserimento lavorativo e proposta educativa per giovani e adulti, in collaborazione con la rete dei servizi sociali e specialistici di psichiatria, dipendenze, carcere, ecc…

volantino gialloAltro traguardo importante è l’aver mostrato come sia possibile che una città alimenti e sviluppi iniziative di cittadinanza, anche imprenditoriali, gestite in maniera democratica e trasparente, a beneficio civico di lunga durata come reso evidente dall’operazione di costruzione della sede di via dalla scola, destinata a rimanere una proprietà pubblica ad utilizzo ambientale e sociale.

Le celebrazioni del trentennale si articoleranno in una ricca agenda di serate culturali e incontri conviviali per grandi e piccini nei prossimi mesi, a partire dalla grande festa di musica, cultura e chiacchiere di domenica 6 settembre 2009 in Campo Marzio, organizzata nell’ambito della rassegna “Vivi Campo Marzo”.

L’obiettivo della serata sarà quello di promuovere alcuni contenuti che da sempre caratterizzano le attività della cooperativa, quali il riciclo e il riuso, l’attenzione al sociale, le tematiche ambientali della riduzione e smaltimento dei rifiuti, le energie rinnovabili, la mobilità sostenibile, e la creatività nel riciclo e recupero di materiali. Oltre alle consuete panchine da parco, lo spazio offrirà anche angoli lounge per ‘fare salotto’ circondati dal verde di città, un’area libreria dove verranno distribuiti gratuitamente libri usati, allestimenti artistici con materiali riciclati, un punto parcheggio biciclette con materiali sulla mobilità sostenibile.

Due band locali, i Pensierozero e i Klaptonite, animeranno i festeggiamenti con un concerto dal vivo a partire dalle ore 18. Il primo gruppo proporrà rock nostrano con un repertorio sofisticato e dalle atmosfere morbide, mentre i Klaptonite suoneranno un’irresistibile compilation di greatest hits firmate da Eric Clapton.

Non mancheranno cocktails e bevande di tutti i tipi, somministrati dal Bar Borsa, organizzatore ufficiale dell’intera rassegna estiva. Ci sarà anche un chiosco dedicato ai cocktail analcolici sponsorizzato dal Ser.T., il Dipartimento per le Dipendenze della Ulss 6 di Vicenza, per la promozione di un uso consapevole dell’alcol all’interno della campagna “- alcol + gusto”.

Per maggior informazioni: info@insiemesociale.it, tel. 0444- 0444/511562